I primi fiori dei pomodori vanno tolti: cause e rimedi

Per gestire correttamente la coltivazione del pomodoro, è importante sapere qualcosa di più sulla pianta. Essa è caratterizzata da un fusto inizialmente eretto, che in natura tende poi a piegarsi e a crescere a terra. Man mano che il fusto si sviluppa, si ha la formazione, alternativamente, di foglie e di ramificazioni con fiori. Alcune varietà di pomodoro sono “a crescita indeterminata , quelle in cui il germoglio apicale continua a crescere fintanto che la stagione lo consente, mentre altre sono “a crescita determinata, quando ad un certo stadio all’apice si forma un’infiorescenza, che sancisce la fine dell’allungamento del fusto. Le varietà più comunemente coltivate negli orti sono quelle a crescita indeterminata, mentre quelle a crescita determinata sono per lo più da industria, ovvero i pomodori da salsa e da pelati.

Sommario

Perché si staccano i fiori dei pomodori

Il fenomeno di cui tu parli è la cascola dei fiori del pomodoro. Le cause che portano alla mancata alla caduta dei fiori possono essere diverse, cerco ora di spiegarti quali sono le più probabili, in modo che tu possa porre rimedio.

Le principali motivazioni per la caduta anticipata dei fiori sono:

  • Aborto fisiologico. In alcuni casi la pianta decide di non far frutti, per concentrare le sue energie altrove.
  • Problemi nell’impollinazione. La mancanza di insetti impollinatori non permette la fecondazione del fiore, che quindi cade senza allegagione.
  • Clima avverso. Spesso i pomodori non fruttificano per un clima sfavorevole: troppo calore, sole e aridità possono determinare il disseccamento dei fiori.
  • Stato di sofferenza della pianta. Tra i vari problemi che le malattie possono portare c’è anche la cascola dei fiori, quando la pianta soffre al punto da non riuscire a fruttificare.

Andiamo quindi a vedere più nel dettaglio questi problemi, e i possibili rimedi.

L’aborto fisiologico dei fiori

La pianta di pomodoro può far cadere spontaneamente alcuni fiori. Succede quando la pianta non è ancora sufficientemente cresciuta e quindi decide di provocare una cascola spontanea, per concentrare le sue energie sulla crescita piuttosto che sul produrre frutti prima del tempo. Questo fenomeno è assolutamente normale e non ci si deve preoccupare: appena sarà pronto il nostro pomodoro comincerà a darci frutto.

Tuttavia una cascola spontanea si verifica solo su piante giovani, spesso appena trapiantate, ed è un fenomeno molto limitato. Se una pianta sviluppata perde i suoi fiori oppure se i fiori seccano spesso bisogna cercare altre cause.

Coltivazione e utilizzo dello zenzero: guida completa

L’impollinazione dei fiori del pomodoro

Il pomodoro è una pianta molto semplice da impollinare: infatti è autofertile e ha fiori ermafroditi. Spiego meglio queste due parole:

  • Autofertile significa che una singola pianta è in grado di fecondarsi anche da sola, non occorre avere più di un esemplare per impollinare.
  • Fiori ermafroditi significa che non si differenziano in fiore maschio e fiore femmina (come avviene ad esempio per le zucchine), ma ogni fiore ha apparato maschile e apparato femminile).

Per questo motivo raramente la mancata allegagione avviene per via di problemi nell’impollinazione. Il polline può essere trasportato dagli insetti impollinatori, ma anche semplicemente spinto dal vento.

Ad ogni modo se pensiamo che ci possano essere problemi di impollinazione, ecco come possiamo facilmente rimediare:

  • Favorire la presenza di impollinatori. Gli insetti utili devono essere presenti nell’orto, non solo per l’allegagione dei pomodori ma per il benessere generale dell’ecosistema. Piantiamo alcuni fiori che possano attrarre api e altri agenti pronubi e facciamo grande attenzione a non usare pesticidi che possano uccidere anche gli insetti buoni.
  • Scuotere le piante. Andando a scrollare delicatamente le piante di pomodoro, soprattutto i grappoli fioriti, possiamo favorire il distacco dei pollini, che andranno con buona probabilità a fecondare altri fiori.
  • Impollinazione manuale. Basta un pennellino per prendere il polline da un fiore e trasferirlo su un altro. In questo modo abbiamo praticamente la certezza di impollinare il fiore.

Se nonostante un’impollinazione effettuata a mano il pomodoro continua a non produrre frutti allora la causa della mancata allegagione non sarà l’impollinazione.

Cascola dei fiori per clima avverso

Il fiore fruttifica solo se il clima è favorevole. Se fa troppo freddo o troppo caldo i fiori si seccano e cadono, rinunciando a diventare frutto. Attenzione quindi che i pomodori non siano soggetti a temperature inferiori ai 13 gradi, questo avviene in genere se vengono trapiantati in campo troppo presto.

Ma anche il caldo diventa un problema, se arriviamo sopra ai 35 gradi. Questa è una delle cause più frequenti di caduta dei fiori nell’orto estivo. In questo caso può essere utile una rete ombreggiante che preservi la pianta dal solleone.

Perché le patate fioriscono: guida completa al fiore di patata

Mancata allegagione per sofferenza della pianta

Anche le malattie o attacchi particolarmente violenti di insetti parassiti possono provocare la cascola dei fiori. In questi casi lo stato di sofferenza della nostra povera pianta di pomodoro è tale che non ha le energie necessarie a mettere in cantiere i frutti, quindi i fiori seccano e cadono, oppure la patologia aggredisce direttamente il frutto e ne provoca la caduta per disseccamento o marciume.

Per capire se il problema è dovuto a malattia o parassita bisogna valutare lo stato di salute della pianta, in genere le patologie si presentano non semplicemente sul fiore ma possiamo distinguere prima di tutto altri sintomi (come le macchie fogliari). Se osserviamo la pianta e la troviamo in ottima salute difficilmente la causa della cascola è un patogeno.

In ogni caso potete leggere l’articolo dedicato alle malattie del pomodoro e quello dedicato agli insetti dannosi, in modo da farvi un’idea dei problemi possibili, di come riconoscerli e contrastarli.

Quanti rami lasciare al pomodoro

Vi piace avere le piante del vostro giardino ben organizzate? In modo che nulla sporga troppo, che siano belle e sane? La sfemminellatura dei pomodori è per voi quindi una cosa innata! La rimozione dei germogli ascellari è una tecnica con la quale potiamo le piante di pomodoro, regoliamo le dimensioni del frutto e acceleriamo persino la maturazione.

Attenzione, però: questo può essere fatto solo su varietà di pomodoro alto (indeterminate), che continuano a fiorire durante la stagione e spuntare nuove foglie. Se rimuoviamo le femminelle nelle varietà a basso arbusto (determinate), possiamo ridurre la resa.

Cosa sono le femminelle? Le femminelle (chiamate anche cacchi, germogli ascellari, bastardi) sono i germogli che compaiono tra il fusto del pomodoro e il ramo (nella foto sopra). Se questi germogli o polloni vengono lasciati crescere, si trasformeranno in un nuovo fusto con rami, foglie, fiori e frutti.

Come coltivare fiori sempre vivi: guida completa

Perché è utile la rimozione delle femminelle?

Come abbiamo scritto sopra, il germoglio ascellare, se viene lasciato, si trasforma in un nuovo fusto. Questo nuovo stelo, tuttavia, richiederà più nutrienti dalla pianta madre. La pianta forse avrà più frutti, ma sarà significativamente più piccola. Inoltre, diventerà anche instabile. La rimozione delle femminelle è perciò senza dubbio conveniente.

La rimozione dei germogli ascellari migliora la circolazione dell’aria e riduce le malattie

Con meno foglie, le piante saranno meno invase. Avranno una migliore circolazione d’aria. Le foglie si asciugheranno più velocemente dopo la pioggia o la rugiada. Pertanto, le piante saranno meno sensibili alle malattie del pomodoro causate dall’umidità. Anche i parassiti nascosti saranno più facili da vedere.

Frutti di pomodoro più grandi

La sfemminellatura al momento giusto fa sì che i nutrienti e l’energia della pianta vengono inviati verso il frutto. È vero che ci saranno meno frutti sulla pianta, ma saranno più grandi. Inoltre, avrete più spazio per più piante. Dopo aver rimosso i germogli ascellari, le piante non crescono così tanto in larghezza.

Serre per fiori: coltiva piante e fiori in modo ottimale

Maturazione accelerata dei frutti di pomodoro

Se la pianta di pomodoro ha meno frutti, provvederà in primo luogo per questi. Ciò significa che matureranno più velocemente. Questo è particolarmente conveniente per gli orti con stagione di coltivazione più breve. Pertanto, il gelo autunnale non potrà mettere in pericolo i pomodori.

Rimuovere i germogli ascellari nel modo corretto

A seconda della forma di crescita, i pomodori sono suddivisi in pomodori a bassa vegetazione (crescita determinata), che crescono da 50 a 100 cm di altezza e hanno uno stelo ramificato (da 3 a 5 ramoscelli, che completano la crescita con un mazzo di fiori) e pomodori a crescita alta (indeterminata), che vengono coltivati con uno o due steli e crescono da 80 a 250 cm di altezza.

i primi fiori dei pomodori vanno tolti - Perché si staccano i fiori dei pomodori

I pomodori determinati sviluppano un fiore dopo lo sviluppo dalla quinta all’ottava foglia e di seguito dopo ciascuna o ogni seconda foglia. I pomodori alti (indeterminati) sviluppano il primo fiore dopo la decima alla quattordicesima foglia e poi ogni terza o quarta foglia.

Albuca spiralis fiore: fioritura e coltivazione | guida completa

Come già accennato, le femminelle possono essere rimosse solo da varietà alte indeterminate. Se vengono lasciate, la pianta si riprodurrà troppo con un’eccessiva carica di frutti. Se la pianta ha un forte stelo principale, possiamo lasciare alcune femminelle. Ciò aumenterà un po’ la resa. A seconda della pianta, si possono lasciare 2 o 3 germogli ascellari.

Alcuni coltivatori rimuovono sulla pianta di pomodoro tutto quello che cresce sotto i primi fiori. Ciò dovrebbe rafforzare il fusto principale. Altri ancora lasciano alcuni ascellari nella parte inferiore della pianta. Questi possono essere ben legati o appoggiati su un supporto. Nella parte superiore, tuttavia, tutti germogli ascellari vengono successivamente rimossi. In questo modo la pianta non porta troppo peso e non c’è pericolo che si dimezzi o cada.

A rimuovere correttamente le femminelle si impara di stagione in stagione. Osserviamo come alcune varietà rispondono alla potatura.

i primi fiori dei pomodori vanno tolti - Quanti rami lasciare al pomodoro

Quando si effettua la sfemminellatura?

Più presto si effettua, meglio è. Le femminelle più piccole possono essere rimosse con un dito. Si consiglia di indossare i guanti. Le foglie più grandi invece, dovrebbero essere rimosse con un coltello affilato o un bisturi in modo di non danneggiare la pianta. La lama viene preventivamente disinfettata. Fate attenzione a non tagliare e danneggiare il fusto o i rami. Pertanto, è bene controllare le piante di pomodoro il più regolarmente possibile. I germogli ascellari vengono rimossi regolarmente e il più spesso possibile.

Tillandsia fiore: guida completa alla cura e coltivazione

Go up

Utilizziamo cookie nostri e di terze parti per preparare informazioni statistiche e mostrarti contenuti e servizi personalizzati attraverso l\'analisi della navigazione. Accettali o imposta le tue preferenze. Maggiori informazioni