Fiore di glicine commestibile: coltivazione, cura e abbinamenti

Il glicine (o Wisteria) è una pianta arbustiva rampicante appartenente alla famiglia delle Fabacee. Originario dell'Asia, in particolare Cina, Corea e Giappone, esiste anche una varietà americana chiamata Wisteria frutescens, con fiori lilla. Ciò che rende il glicine interessante è che i suoi fiori sono commestibili e hanno un sapore dolce e fresco. Possono essere cucinati fritti in pastella, come i fiori di zucca, e sono ideali per uno snack sorprendente e invitante o per accompagnare l'aperitivo.

Sommario

Coltivazione del Glicine

Il glicine è una pianta facile da coltivare e molto longeva, che può vivere per decenni senza problemi di avversità o malattie. Dopo l'acquisto, è consigliabile rinvasare il glicine in un contenitore profondo o piantarlo in giardino. Una vasca in legno profonda 40-50 cm è l'ideale per ottenere una fioritura abbondante e uno sviluppo vigoroso.

Per la coltivazione del glicine, è consigliabile utilizzare un terriccio universale di alta qualità o un terriccio specifico per trapianti o fioriere. Sul fondo del contenitore, è bene mettere una manciata di concime organico, come lo stallatico in pellet, coperto da un po' di terriccio per evitare il contatto diretto con le radici.

Cura del Glicine

Il glicine richiede potature in primavera e a fine stagione per favorire la fioritura e contenere la crescita vigorosa. Verso la fine dell'estate, i rami secondari che si sono formati in primavera vanno accorciati a circa 30 cm dal ramo principale. A gennaio o febbraio, è bene intervenire nuovamente, accorciando i getti sopra un gruppo di gemme. Le piante giovani e quelle in vaso richiedono irrigazioni regolari e abbondanti in estate, ogni 3-5 giorni o quando il terriccio risulta asciutto. Le piante adulte in piena terra non richiedono irrigazioni frequenti.

Per conservare l'umidità del terriccio, è consigliabile coprirlo con uno strato di corteccia sminuzzata intorno al fusto del glicine. Questo ridurrà la necessità di innaffiature frequenti.

Per garantire una buona crescita e fioritura, il glicine ha bisogno di energia. Le piante giovani e quelle in vaso richiedono concimazioni regolari tra aprile e settembre, mentre a fine inverno è consigliabile una concimazione con prodotto organico come lo stallatico. Il concime va somministrato in dosi moderate ogni 15-20 giorni.

Rosa di natale: coltivazione, cura e caratteristiche

Valore Estetico del Glicine

Il glicine offre una fioritura incantevole e profumata, accompagnata da un bel fogliame. Anche durante l'inverno, i rami nudi del glicine possono avere un aspetto afmaravilloso. I fiori del glicine sono di solito lilla o viola, ma possono essere anche bianchi o rosa.

Con il tempo, il glicine assume dimensioni imponenti e può formare rami lunghi diversi metri, che si arrampicano verso l'alto o si estendono su ringhiere e supporti vari. In vaso, lo sviluppo è più moderato, anche se il contenitore è ampio e profondo.

Ambiente Ideale per il Glicine

Il glicine può vivere per decenni in vaso e anche per un secolo o più in giardino. È una pianta resistente al caldo intenso e al gelo. Ha bisogno di molta luce solare per garantire una fioritura abbondante, altrimenti produrrà troppo fogliame e pochi fiori.

Il glicine tollera temperature estreme, sia calde che fredde. Non teme il vento né l'aria salmastra. Grazie ai suoi rami robusti e flessibili, può sopportare anche il peso di abbondanti nevicate.

Abbinamenti del Glicine

Intorno al fusto del glicine, è possibile collocare piccole piante stagionali nel terriccio. Tuttavia, evitate di piantare altri arbusti nello stesso vaso, poiché il glicine ha bisogno di supporti solidi per arrampicarsi, come grigliati in metallo o legno robusto, gazebi, pergole o ringhiere.

Col tempo, i rami del glicine si attorcigliano con una forza tale da piegare anche il ferro.

Fiori asparagi: coltivazione, turioni e raccolta

Curiosità sul Glicine

Il nome botanico del glicine, Wisteria, è un omaggio a Caspar Wistar, uno scienziato americano pioniere della paleontologia, che studiò i primi reperti di dinosauri riconosciuti.

La fioritura primaverile del glicine nel Flower Park Ashikaga, in Giappone, è un evento che attira migliaia di visitatori. Piantato nel 1870, il glicine occupa oggi quasi 2000 mq su una enorme pergola. Intorno a questo gigantesco esemplare, ci sono numerosi altri glicini di dimensioni ugualmente spettacolari, con fiori bianchi o rosa.

In Oriente, il glicine è considerato un prezioso talismano per la salute e simboleggia riconoscenza e rispetto.

Problemi e Rimedi del Glicine

  • Se il glicine produce molte foglie ma pochi fiori, potrebbe essere causato da una carenza di sole o da un terreno troppo bagnato.
  • Gli afidi (pidocchi delle piante) possono infestare i germogli del glicine. È possibile trattarli con un insetticida adatto, che li farà sparire con l'arrivo del caldo.
  • Se il glicine cresce debolmente in vaso, potrebbe essere perché il contenitore è troppo piccolo rispetto al volume delle radici. In questo caso, è consigliabile trapiantarlo in autunno o fine inverno in un contenitore molto più grande.

Il glicine è una pianta afmaravilloso che offre non solo una fioritura incredibile, ma anche la possibilità di gustare i suoi fiori commestibili. Con una corretta cura e coltivazione, il glicine può diventare un elemento prezioso nel tuo giardino o sul tuo balcone, aggiungendo bellezza e un tocco di originalità ai tuoi spazi esterni.

sul Glicine Commestibile

I fiori di glicine sono davvero commestibili?

Sì, i fiori di glicine sono commestibili e hanno un sapore dolce e fresco. Possono essere cucinati fritti in pastella, come i fiori di zucca, e sono ideali per uno snack sorprendente o per accompagnare l'aperitivo.

Come coltivo il glicine?

Il glicine è una pianta facile da coltivare. È consigliabile rinvasarlo in un contenitore profondo o piantarlo in giardino, utilizzando un terriccio di alta qualità. Richiede potature regolari per favorire la fioritura e l'irrigazione frequente durante l'estate.

Coltivazione e cura dei fiori di peperone

Quanto tempo ci vuole per curare il glicine?

Il glicine richiede cure regolari, tra cui potature in primavera e a fine stagione. Le piante giovani e quelle in vaso richiedono irrigazioni frequenti durante l'estate. È anche consigliabile concimare il glicine regolarmente per garantire una crescita vigorosa e una fioritura abbondante.

Quali sono i problemi più comuni del glicine?

I problemi più comuni del glicine includono una fioritura scarsa, che può essere causata da una carenza di sole o da un terreno troppo bagnato. Gli afidi possono infestare i germogli del glicine, ma possono essere trattati con un insetticida specifico.

Posso piantare altre piante vicino al glicine?

È possibile collocare piccole piante stagionali intorno al fusto del glicine, ma evitate di piantare altri arbusti nello stesso vaso, poiché il glicine ha bisogno di supporti solidi per arrampicarsi.

Conclusioni

Il glicine è una pianta afmaravilloso e versatile, che offre una fioritura incantevole e fiori commestibili dal sapore dolce e fresco. Coltivare e curare il glicine è relativamente semplice, e i risultati sono gratificanti. Aggiungi un tocco di originalità al tuo giardino o al tuo balcone con questa pianta straordinaria.

Go up

Utilizziamo cookie nostri e di terze parti per preparare informazioni statistiche e mostrarti contenuti e servizi personalizzati attraverso l\'analisi della navigazione. Accettali o imposta le tue preferenze. Maggiori informazioni